Sei in: home

News

STAGNI RETRODUNALI

Nelle aree retrodunali sono presenti stagni e bacini di antichi impianti di acquacoltura risalenti al XIII secolo, dove sono ancora allevati anguille e cefali con metodi tradizionali e biologici. La presenza di suoli con diverso regime di salinità, le acque dolci che provengono dalle sorgenti e l'influsso del mare determinano la presenza in queste zone di vegetazione aloigrofila, cioè composta da pinate alofite e igrofite. Le alofite sono piante che crescono su terreni ricchi di sali di sodio (quali le spiagge marittime), ambienti che, seppure contengano acqua, offrono alla pianta risorse pari a quelle di un suolo arido. Le igrofite al contrario si trovano su suoli che presentano una grande quantità di acqua e in ambienti molto umidi. In prossimità delle acque dolci si localizza il canneto; in prossimità dei bacini con minore ristagno idrico prevale il Falasco bianco. Sui terreni salmastri è diffuso, invece, lo Sparto delle dune.

A causa della salinità spesso elevata dell'acqua degli stagni prossimi al mare, la zona è poco accogliente per gli anfibi, le cui uova e le larve sono spesso preda dei pesci. Nei pressi delle pozze temporanee che si formano a seguito delle piogge invernali e primaverili - dove depone le uova - si può incontrare il Rospo smeraldino. La Rana verde è invece presente negli stagni che occupano la foce delle lame (Lamacornola, Lama Rosa Marina).

D'estate il canneto ospita esemplari di Cannaiola comune, Folaghe (che scelgono questo habitat per costruire il proprio nido), Tuffetti e Gallinelle d'acqua. Da luglio fino a tutto l'inverno si può osservare il Martin pescatore che, con abile precisione, ghermisce i pesci che abbondano negli specchi d'acqua. Il canneto che cresce lungo le sponde degli stagni retrodunali e del Fiume Morelli costituisce un ottimo rifugio per Aironi cenerini, Garzette, Aironi rossi e Tarabusini. Ai margini degli specchi d'acqua non è difficile osservare le Sgarze ciuffetto, mentre fra le specie che cercano il cibo lungo le rive melmose di raccolta d'acqua dolce o salata (uccelli limicoli) si possono osservare Cavalieri d'Italia, Pettegole (così chiamate per l'abitudine di allarmare, in caso di pericolo, gli altri uccelli in sosta nella zona umida), Pantane, Albastrelli, Gambecchi e Piovanelli.

In inverno sono soprattutto le anatre ad animare i laghetti del Parco: con i loro variopinti piumaggi nuotano nelle acque placide il Fischione, il Codone, la piccola Alzavola e il colorato Mestolone, che deve il suo nome al singolare becco a mestolo utile a raccogliere le piante acquatiche di cui si nutre.

L'inizio della primavera è segnato dal passaggio delle Gru, che, già dalla fine di febbraio, sorvolano il Parco in formazioni a "V".

Foto gallery

Newsletter

Social

Aziende certificate CETS

Aziende certificate CETS

Ente Parco

>
Albo pretorio
>
Contatti
>
Gli Organi del Parco
>
Normativa
>
Modulistica e regolamenti
>
Gare e Appalti
>
Bandi
>
Trasparenza, valutazione e merito
>
Amminstrazione aperta
>
Anticorruzione
>
Fatturazione elettronica
>
Area riservata
>
Amministrazione trasparente
>
Progetti
>
Pubblicazioni
>
Link

Link

Carta Europea del Turismo Sostenibile
Rete Rurale Nazionale 2014-2020
FIAB - Bicitalia B16 - Adriatica
Eco Contatore
ITALIAN GREEN ROAD AWARD Premio Stampa alla Puglia con la Via Traiana nel Parco Regionale delle Dune Costiere
iDEAL Interreg Italy - Croatia
Oscar dell'Ecoturismo 2016
Spighe Verdi 2016
Certificato di Eccellenza 2016
Bandiera Verde Agricoltura
Premio Città amiche della Bicicletta
Il Premio La Città per il Verde 2011 al Parco Regionale delle Dune Costiere
Premio Paesaggio del Consiglio d'Europa
Geositi della Puglia
Il Parco aderisce a:
Associazione Nazionale Città dell'Olio
Il Club delle Vele
Associazione Europea Vie Francigene
AppOLEA: app per il censimento degli ulivi monumentali
PARCO NATURALE REGIONALE "Dune costiere da Torre Canne a Torre S. Leonardo" - e-mail PEC parcodunecostiere@pec.it
2021 - © progettipercomunicare